BLOG
  • Daniele Gennara

Puducherry lavori in corso

Da quando siamo in India l'Europa è diversa. Ci sorprendiamo se qui è pieno di sporcizia, di cani randagi, di odori forti, e via dicendo, perché da noi non esiste niente del genere. La nostra generazione è nata e cresciuta in città dove le normative di igiene e l'educazione delle persone sono fatti cosi consolidati che ormai vengono apprezzati solo quando siamo in una nazione dove la norma non è altrettanto strutturata.


Qui a Puducherry, ad essere precisi nella White Town di Puducherry, questi due mondi si affacciano grazie ai lavori di costruzione dei nuovi marciapiedi che si estendono su quasi tutte le strade.

Lo spazio strada qui in India è molto diverso da quello che è in Europa: se da noi i veicoli sono i padroni della strada e i pedoni si muovono sui marciapiedi solo per spostarsi da un punto ad un altro, qui in India la strada ha un'intensità sociale molto forte. Le persone vendono ogni tipo di beni e servizi sulle strade (taglio capelli e barba compresi), vengono comunemente celebrati alcuni riti religioni, alcuni dormono ai bordi della strada, molti ne approfittano per fare i propri bisogni. Il risultato è sempre lo stesso: la strada diventa un intricato mondo di attività e una collezione di immondizia che, con gli scarichi dell'acqua, la trasforma in un luogo insalubre. Se la sua costruzione è ben fatta, la pulizia e più semplice, ma soprattutto tutto quello che si svolge su di essa guadagna una dignità umana che altrimenti è difficile scorgere.





I lavori iniziati qui in città sono la base di una vita più sana, e la loro natura è forte e stabile come lo è la pietra adoperata. Anche per noi, semplici passeggiatori, l'atmosfera cambia radicalmente: finalmente non dobbiamo stare attenti a dove posiamo i nostri piedi. In tal senso Puducherry è un esempio tutte le città dell'India.

Ho immaginato la Parigi prima e dopo l'opera di Haussmann, o semplicemente la città dei nostri bisnonni attraverso le stesse opere di moderna urbanizzazione e l'importanza che ognuno comprovò in questo progresso. Una città bella, prima di avere edifici belli, ha bisogno di strade, fognature e piazze efficienti e ben costruiti. Tutte conquiste già ottenute nelle nostre città, ma di cui ne dimentico l'importanza.